• Pubblicata il
  • Autore: DOTT. MAURO
  • Categoria: Racconti etero
LA STORIA DEL VIBRATORE - seconda parte - Terni Trasgressiva

LA STORIA DEL VIBRATORE - seconda parte - Terni Trasgressiva

LA STORIA DEL VIBRATORE - seconda parte

Negli USA, dopo il crisi della Borsa nel 1929 e la successiva Grande Depressione, le vendite di tutti gli elettrodomestici sono crollate. Durante la seconda guerra mondiale, il metallo usato per dispositivi elettrici è stato dirottato per costruire aerei, navi ed armi.

Dopo il 1950, i vibratori femminili sono rientrati in commercio come vibro-massaggiatori adatti per dimagrire. Erano per lo più acquistati dagli uomini come regali per le donne poichè per loro era imbarazzante entrare in un porno-shop.
Durante gli anni '60 e '70, sono tornati in auge grazie al movimento femminista che li sfruttava come simbolo di autonomia sessuale.

Comunque, il business dei giocattoli del sesso è definitivamente decollato nel 1980, ed i vibratori hanno riconquistato le consumatrici di tutto il mondo. Anche le coppie (etero e gay hanno cominciato a comprare i sex-toys insieme.

Attualmente, l'Alabama è l'unico Stato degli USA che vieta la vendita di sex-toys. Ma tutto il mondo è paese, perciٍ "fatta la legge, trovato l'inganno". La vendita di vibratori è illegale, ma l'acquisto non è perseguibile (?!), a meno che non si acquistino più di cinque prodotti. Non è ancora chiaro se devono essere uguali tra loro (cioè lo stesso tipo di vibratore), o se si è in torto anche comprando quattro vibratori ed una bambola gonfiabile.
Come direbbero tre famosi comici napoletani: "A me... me pare 'na strunzàt'!"

Nel 2009, un gruppo di ricercatori ha pubblicato uno studio che analizza l'uso del vibratore tra le femmine americane. Delle circa 2.000 donne di età compresa tra i 18 ed i 60 anni che hanno partecipato al sondaggio, il 52,5 % ha confermato di aver utilizzato un vibratore.

Un'ultima, doverosa raccomandazione ai produttori ed ai distributori di sex-toys. Smettete di costruire vibratori sempre più grandi ed invasivi. Conosco diverse persone che si sono fatte davvero male. La vagina e lo sfintere anale non sono il traforo del Monte Bianco!

FINE

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati